Institute – Subordination [Sacred Bones, 2017]

Institute_Subordination_cover

Il secondo album dei texani Institute va messo nel cassetto delle cose più fastidiose (in senso buono, se mi capite) e arroganti ascoltate nel 2017, insieme ai dischi di Uniform e Dead Cross. Le coordinate cadono ancora una volta dalle parti di un anarcho-punk alla Crass, la cui vena barricadera è appena mitigata, ma inspessita … Leggi tutto Institute – Subordination [Sacred Bones, 2017]

Un libro e un disco: «Santuario» di William Faulkner e «John Lee Hooker’s World Today» di Hugo Race & Michelangelo Russo

William_Faulkner__Santuario__cover

La chiamerò rubrica, ma voi non crediate che mi metta a seguire una qualche temporalità predefinita, che possa venirne fuori con questa cosa ogni tot. No. Lo farò solo quando i neuroni si sentiranno di fare questi dannati e strampalati collegamenti. E questa volta, la prima qui sul blog (ne ho fatti altri nella vita, … Leggi tutto Un libro e un disco: «Santuario» di William Faulkner e «John Lee Hooker’s World Today» di Hugo Race & Michelangelo Russo

Oneida – Romance [Joyful Noise, 2018]

Oneida_Romance_cover

Era iniziata mesi fa, come una recensione seria e approfondita con tanto di retrospettiva sulla discografia degli Oneida, ed è finita immancabilmente a tarallucci e vino. Vorrei però insistere sulla serietà della cosa almeno per qualche riga e iniziare enumerando due fatti veri, inconfutabili: 1) sono anni che non ascolto un disco degli Oneida come … Leggi tutto Oneida – Romance [Joyful Noise, 2018]

Ritrovamenti: Constant Mongrel – Living in Excellence [Anti Fade, 2018]

constant mongrel_living in excellence_cover

(Garage)Punkettone fatto davvero bene, aggressivo, sporco e niente affatto allegro. C'è una certa scimmia new wave, piuttosto impertinente, che occupa spazi e mette in disordine tutto, donando sapori e personalità. Loro sono i Constant Mongrel, sono in tre e vengono da Melbourne. Questo è il loro terzo disco, è uscito una manciata di giorni fa … Leggi tutto Ritrovamenti: Constant Mongrel – Living in Excellence [Anti Fade, 2018]

La cosa più bella mai registrata dai Blue Cheer: le demo sessions del 1967

blue cheer

Do per scontato che sappiate, per lo meno a grandi linee, chi siano i Blue Cheer. Do quindi pure per scontato che sappiate della loro importanza ormai universalmente riconosciuta, del fatto che senza il contributo determinante e germinale di questa band californiana, il metal, la psichedelia e la musica heavy tutta non sarebbe quella che … Leggi tutto La cosa più bella mai registrata dai Blue Cheer: le demo sessions del 1967